top of page
CSDM.png

CHI SIAMO?

Mission e vision

Il Club Suisse de Monaco è uno dei club più antichi e rispettati del Principato di Monaco. Offre ai suoi soci l'opportunità di stringere legami d'amicizia duraturi e di farsi testimoni dell'importanza dei due Paesi, portandola a conoscenza del mondo attraverso eventi che spaziano dalla politica all'economia, dalla cultura  alla società. Organizzando eventi informativi rivolti ai membri, alla comunità internazionale di Monaco e a quelle limitrofe, miriamo a promuovere gli scambi per realizzare la nostra vision. L'obiettivo delle cene e dei festeggiamenti comuni è di rafforzare la coesione sociale e di condividere momenti gioiosi. I viaggi hanno lo scopo di ampliare gli orizzonti dei partecipanti. Grazie a tutti questi eventi, si attua uno scambio di idee e conoscenze tra i soci, che certamente influenzerà il nostro futuro in modo positivo e sostenibile.

 

Il Club Suisse de Monaco persegue l'obiettivo di riunire persone che siano ambasciatrici della loro patria e del loro Paese d'adozione. Infatti, il progresso può avvenire solo quando si riuniscono esponenti di ambiti sociali diversi, che abbiano la volontà e la capacità di apportare cambiamenti positivi.

 

Il Club Suisse de Monaco si propone quindi come piattaforma per rafforzare le relazioni tra i cittadini svizzeri e gli amici della Svizzera da una parte, il popolo, le istituzioni monegasche e la comunità internazionale a Monaco e nelle zone limitrofe dall'altra.

 

Basato sui valori svizzeri dell'amicizia, della cortesia, della curiosità, dell'imprenditorialità, della sussidiarietà, della discrezione, della tradizione e della modestia, il Club Suisse de Monaco vuole essere il primo punto di contatto per chi a Monaco desideri condividere, rappresentare e trasmettere questi valori al mondo.

 

L'associazione persegue obiettivi senza scopo di lucro, regolati dalla legge n. 1072 del 27 giugno 1984. Gli statuti dell'associazione sono disponibili qui.

Membro Onorario

Comitato direttivo

Arik Röschke

Dr. Arik Röschke

Presidente

Silvia Mischler.jpeg

Silvia Mischler

Vicepresidente

Marcel Huber.jpeg

Marcel Huber

Tesoriere

Club Suisse de Monaco Carla Bombari.jpg

Carla Bombari

Segretaria

Les Présidents depuis 1949

Consigliere

Conseiller
Arlène Arquin.jpg

Arlène Arquin

Consigliera

Annick Boisbouvier.jpg

Annick Boisbouvier

Consigliera

Monaco.png
Influence des Suisses sur Monac

Cenni storici sul Club Suisse de Monaco e influenza degli svizzeri sul Principato di Monaco

Le radici del Club Suisse de Monaco risalgono alla fine del XIX secolo, quando numerosi cittadini svizzeri giunsero nella regione come artigiani, svolgendo un ruolo importante nello sviluppo di questa zona. Questi nuovi arrivati si riunirono nel "Comité de Bienfaisance de la Colonie Suisse de Monaco" per aiutarsi a vicenda nei momenti di bisogno.

 

L'associazione, fondata ufficialmente nel 1949, è una delle più antiche del Principato. Con circa 1.200 esponenti, la comunità svizzera a Monaco è la quarta più grande del Principato e ha avuto un'influenza decisiva nel plasmare l'immagine del Principato nel corso degli anni:

Famiglia Notari

Tra i più noti immigrati dalla Svizzera nel Principato c'è la famiglia ticinese Notari, che era massone e si stabilì proprio a Monaco, come ricorda Frédéric Notari, rappresentante della sesta generazione familiare abitante nel Principato.

 

I membri della famiglia furono coinvolti, tra l'altro, nella costruzione della Cattedrale di Saint-Nicolas, sulle cui fondamenta sorge oggi la Cattedrale di Notre-Dame-Immaculée.

Image by Livio Fretz

Giovanni Lombardi (1926–2017)

Lombardi, ingegnere civile svizzero noto per i suoi progetti di tunnel e dighe, viveva a Monaco. Progettò, ad esempio, il tunnel stradale del San Gottardo (divenuto celebre negli anni '60 anche per il fatto che Lombardi non scelse la linea retta, ma un percorso curvilineo, più economico), il tunnel di base del San Gottardo, la Nuova Ferrovia Transalpina (NFTA), le circonvallazioni di Neuchâtel e Locarno e il tunnel ferroviario di Gibilterra tra Spagna e Marocco, attualmente in fase di progettazione.

Giovanni Lombardi.jpg

Heinz Gloor

Nel 1960 iniziarono i lavori di progettazione del lungomare del quartiere Larvotto. Sotto la direzione dello svizzero Heinz Gloor, fu sviluppato l'unico hotel del Principato con spiaggia privata. Il 29 aprile 1972, il grande e moderno complesso alberghiero di 12 piani e 320 camere fu inaugurato come Holiday Inn (oggi Le Méridien Beach Plaza) sotto forma di club resort. Heinz Gloor è stato successivamente responsabile dello sviluppo della zona alberghiera di Roissy, presso l'aeroporto Charles de Gaulle, che nel 2004 è stata ampliata sotto la sua guida per includere un centro congressi.

Heinz Gloor.jpg

André Bucher (19242009)

Nel 2002, il Club Suisse de Monaco ha donato al Principe Ranieri III l'opera d'arte "Le Signe du Temps" dell'artista e scultore svizzero André Bucher, che a partire dal 1976 ha creato opere d'arte contenenti lava fusa. A questo scopo, si arrampicava lui stesso sui vulcani per poter elaborare le proprie opere direttamente sul posto con la lava.
È nota anche la sua scultura "Giustizia", che si trova nell'edificio Baumgarten della Corte costituzionale federale tedesca a Karlsruhe.

Le Signe du Temps and is by sculptor, André Bucher_edited.jpg

Jet principesco per il Consiglio federale

Nel 2013 il Consiglio federale svizzero ha acquistato per 35 milioni di franchi svizzeri un Dassault Falcon 900EX con un'autonomia di 8100 chilometri, spazio per 14 passeggeri o un massimo di otto VIP e due toilette. Questo aereo ha volato in precedenza come aereo governativo per il Principe Alberto II di Monaco.

Il jet del Consiglio federale è gestito dalle Forze aeree svizzere con la designazione militare T-785.

image-react169Big-6f932881-1233319_edited.jpg

Frédéric Genta

Frédéric Genta, figlio dell'orologiaio e artista svizzero Gérald Genta, i cui disegni più noti includono il Royal Oak di Audemars Piguet e il Nautilus di Patek Philippe, nel 2018 è stato incaricato dal governo monegasco di dirigere la digitalizzazione nel Principato.

Attualmente è delegato interministeriale responsabile di progetti come Smart City, il programma di e-government per la sicurezza e l'economia digitale.

278060336_521928889273988_8355866922606083498_n_edited_edited.png

Ernest Guglielminetti (1862–1943)

Guglielminetti, originario della parte germanofona del Canton Vallese, imparò in India a sigillare gli edifici con il catrame. Da qui sviluppò un metodo precursore dell'odierna asfaltatura delle strade. In qualità di medico a Monaco, il 13 marzo 1902 fece rivestire di catrame 40 metri di strada per combattere la polvere.

Questo metodo è stato in seguito utilizzato in molti altri Paesi e gli è valso il soprannome di Dr. Goudron (in francese "catrame"). In segno di gratitudine, a Monaco Ville è stata eretta una lapide in suo onore.

Plaque_en_hommage_du_Docteur_Ernest_Guglielminetti_-_Avenue_Saint-Martin_(Monaco).jpg

Adam Oser

Adam Oser, industriale svizzero e allora presidente della "Colonie Suisse de Monaco", tra il 1958 e il 1959 fece costruire a Monaco una chiesa riformata ("Église réformée de la Principauté de Monaco").

Adam Oser voleva che la comunità riformata avesse una chiesa tutta per sé. A tal fine, creò una fondazione per acquistare un terreno ed erigere l'edificio in quella che allora era Rue de la Poste, oggi Rue Louis Notari. La chiesa è anche chiamata "Tempio protestante". 

Adam Oser Monaco_Temple_protestant.jpeg

Giardino Botanico Ginevra

Nel maggio 1990, il "Jardin botanique de Genève" ha donato al Principato di Monaco un albero che si trova direttamente sulla Place du Casino. Si tratta di un "albero di ferro" (Metrosideros excelsa) che nella terra d'origine, la Nuova Zelanda, fiorisce a inizio anno. Per questo motivo, viene chiamato Albero di Natale della Nuova Zelanda o Pohutukawa in lingua maori.

Jardin Exotique Genève Monaco 1990.HEIC

Planet Solar

Planet Solar, la più grande nave mai costruita con pannelli solari, è un progetto svizzero-monegasco è Planet Solar. Il velista svizzero Raphaël Domjan è il primo uomo a fare il giro del mondo con una barca a energia solare. La spedizione è partita da Monaco nel 2010 ed è tornata nel Principato nel 2012. Planet Solar vuole dimostrare che esistono soluzioni a misura d'uomo al cambiamento climatico, incoraggiando lo sviluppo di nuovi concetti e tecnologie che consentano alle persone di ridurre il loro impatto sul pianeta, sul clima e sull'ambiente.

Planet Solar Monaco_edited.jpg

Solar Impulse

Grazie all'impegno personale di S.A.S. il Principe Alberto II e all'impegno del Principato di Monaco per lo sviluppo sostenibile e la promozione delle energie rinnovabili, il Governo di Monaco ha sostenuto il progetto Solar Impulse dell'aeronauta svizzero Bertrand Piccard, il primo aereo a energia solare senza carburante né emissioni. Durante il primo volo intorno al mondo di Solar Impulse, il centro di comando, composto da una trentina di ingegneri, matematici e meteorologi, era situato a Monaco.

Solar_Impulse_SI2_pilote_Bertrand_Piccard_Payerne_November_2014.jpg

Chi e cos'altro?

Se conoscete altre personalità o iniziative che dovrebbero essere elencate qui, vi preghiamo di contattarci in modo da poterle includere.

Image by Jess Bailey
Monaco.png

EVENTI

Ecco gli eventi attualmente in calendario.

A breve ulteriori eventi verranno pubblicati e comunicati tramite newsletter.

Di seguito una panoramica dei nostri eventi passati

Monaco.png

RASSEGNA STAMPA

Ecco una selezione di articoli sulle attività del Club Suisse de Monaco

Monaco.png

DIVENTARE MEMBRO

Chiunque sia interessato al Club Suisse de Monaco, viva a Monaco, nella regione o all'estero e abbia un'affinità con la cultura svizzera e i valori del Club Suisse de Monaco può aderire al nostro club. Per farlo, si prega di compilare il modulo di adesione.

 

La domanda di adesione chiede in particolare quali sono le vostre aspettative e le motivazioni che vi spingono ad aderire al club, nonché il vostro contributo in qualità di nuovi soci.

 

Il Club Suisse de Monaco è un'associazione senza scopo di lucro che si basa sul contributo di tutti i soci per finanziare le spese amministrative e l'organizzazione degli eventi.

 

La quota di ammissione una tantum è di 200 euro per i singoli e di 300 euro per le coppie.

 

La quota associativa è di 150 euro per i singoli e di 250 euro per le coppie. 

 

L'iscrizione è annuale (da gennaio a dicembre).

Desidero/desideriamo presentare la mia candidatura al Club Suisse de Monaco in qualità di:
Carica il tuo CV qui
Caricare una foto

Grazie per il vostro interesse!

Saremo lieti di metterci in contatto con voi per conoscerci meglio!

Suisse Monaco.png

PERCHÉ VIVERE A MONACO?

La sua posizione unica tra mare e montagna, i suoi parchi, i suoi eventi sociali, sportivi e culturali fanno di Monaco la destinazione ideale per una breve vacanza indimenticabile... o per divenire il centro della vostra vita!

 

L'economia monegasca è molto dinamica e orientata al futuro grazie alle politiche di S.A.S. il Principe Alberto II e del governo monegasco. Stato indipendente nel cuore dell'Europa, il Principato di Monaco offre a residenti, investitori e imprenditori un luogo eccezionale e sicuro per trarre il massimo vantaggio da un ambiente eccezionale e da una fiscalità interessante.

 

Il Principato di Monaco è spesso considerato uno dei migliori posti al mondo in cui vivere. Di seguito un elenaco certamente non esaustivo delle motivazioni:

Monaco.png

Residenza

Ogni straniero di età superiore ai 16 anni che desideri risiedere a Monaco per più di 3 mesi all'anno deve richiedere un permesso di soggiorno (carte de séjour) rilasciato dalle autorità monegasche in conformità alla Convenzione di Vicinato franco-monegasca del 18 maggio 1963 e al Decreto n. 3.153 du 19/03/1964 sulle condizioni di ingresso e di soggiorno degli stranieri nel Principato.

Cittadini dello Spazio economico europeo

È sufficiente la carta d'identità o il passaporto in corso di validità. Non è richiesto alcun visto.

 

Cittadini di Paesi non appartenenti allo Spazio Economico Europeo

Prima di intraprendere qualsiasi azione nel Principato, è necessario richiedere un visto di insediamento a Monaco rilasciato dalle autorità francesi. Si noti che questo visto riguarda anche i minori. Contattare il Consolato francese nel proprio Paese di residenza. A seconda della nazionalità e del Paese d'origine, le formalità da espletare saranno diverse.

In ogni caso, è necessario:

  • Dimostrare di avere alloggio a Monaco in un'abitazione di dimensioni adeguate alle esigenze del nucleo familiare.

  • Garantire risorse finanziarie adeguate:

    • Avere un contratto di lavoro

    • O beneficiare di un pagamento da parte di terzi

    • O avere risparmi sufficienti

  • Prova di buona condotta (certificato di polizia o equivalente)

 

Il Principato di Monaco sorveglia attentamente le persone che soggiornano effettivamente nel Paese:

Il Principato rilascia un permesso di soggiorno se si vive a Monaco per almeno tre mesi all'anno.

Il certificato di residenza fiscale viene rilasciato solo dopo un controllo approfondito, quando si può dimostrare dettagliatamente che si è soggiornato a Monaco per almeno 183 giorni.

Monaco.png

RELAZIONI BILATERALI TRA MONACO E SVIZZERA

Storia

Il Consolato svizzero responsabile della circoscrizione consolare di Monaco è stato aperto a Nizza nel 1905. Dal 1999, Monaco fa parte della circoscrizione consolare di Marsiglia. L'attuale console generale è Andreas Maager. Nel 1959, Monaco ha aperto un'ambasciata a Berna. Dal 2006, l'ambasciatore svizzero con sede a Parigi è accreditato presso il Principato di Monaco. L'attuale ambasciatore svizzero in Francia e a Monaco è il dottor Roberto Balzaretti. Egli ha dichiarato: "Le nostre relazioni sono profonde e di lunga data. Come piccoli Paesi, sia a livello europeo che globale, abbiamo dovuto intraprendere attività diverse dallo sfruttamento delle risorse naturali che non abbiamo sul nostro territorio. Abbiamo dovuto utilizzare la nostra inventiva, e ha funzionato! Per quanto riguarda le misure più attuali, condividiamo gli stessi valori, la stessa visione e gli stessi interessi nel mondo multilaterale, soprattutto in termini di diritto. I piccoli Paesi hanno bisogno del diritto internazionale, e noi siamo entrambi molto attivi e spesso collaboriamo".

Ranieri III è stato il primo principe di casa Grimaldi a visitare ufficialmente la Svizzera nel novembre 1960.

Monaco.png

Priorità nelle relazioni diplomatiche

I contatti tra i due Stati avvengono principalmente a livello multilaterale nelle istituzioni delle Nazioni Unite (ONU), dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) e dell'Organizzazione internazionale della Francofonia (OIF).

Le relazioni bilaterali tra la Svizzera e Monaco, già buone, si concentrano in particolare su aree di interesse comune come l'economia, l'istruzione e l'ambiente:

 

  • Cooperazione economica: l'economia svizzera è presente a Monaco soprattutto nei settori bancario e finanziario.
     

  • Cooperazione nel campo della formazione: i giovani professionisti monegaschi possono approfondire le loro conoscenze professionali e linguistiche in Svizzera grazie alle cosiddette convenzioni di tirocinio. Queste consentono ai giovani professionisti che desiderano approfondire le proprie conoscenze professionali e linguistiche in Svizzera di ottenere un permesso di lavoro per un periodo massimo di 18 mesi. Maggiori informazioni sono disponibili qui.
     

  • Ambiente: sia Monaco che la Svizzera hanno sottoscritto l'Agenda 2030 e ne sostengono gli obiettivi di sviluppo sostenibile, in particolare per quanto riguarda la disponibilità e la gestione dell'acqua. Le preoccupazioni per l'innalzamento del livello del Mar Mediterraneo e il lento e graduale scioglimento dei ghiacciai sono al centro delle politiche di entrambi i Paesi. Monaco è un principato edificato sul mare; la Svizzera non ha accesso diretto al mare, ma l'acqua e i numerosi ghiacciai sono risorse vitali per il Paese.

Rappresentanza del Principato di Monaco

presso la Confederazione Svizzera

Ambasciata di Monaco in Svizzera